Rassegna stampa

INTERNI

 
Dribbling. Conte fa solo finta di dialogare con Forza Italia in quanto il sostegno di B. non gli conviene: la maggioranza tiene lo stesso, i grillini andrebbero in tilt e inoltre sarebbe il preludio al governo di unità nazionale (e quindi la fine di Conte). Infine, con B. di mezzo, Conte non farebbe più come gli pare con i vari dossier. Franceschini, capita l’antifona, invita direttamente B. al tavolo perchè gli serve per il Mes, per l’elezione del Presidente della Rep e per non lasciare esclusivamente a Conte il Recovery Plan (Delgado sul Dubbio)
 
Quirinale. Con Conte a Palazzo Chigi, il Presidente della Repubblica dev’essere del Pd. Franceschini vuole farlo ma deve avere i voti di B. e per avere i suoi voti deve dargli una fetta di torta del Recovery Fund. Ipotesi Draghi e Mattarella bis solo se salta l’accordo con Forza Italia (Antonellis su Italia Oggi)
 
Vitalismo represso. Non solo Conte ma anche Gualtieri e Franceschini reprimono l’ansia di prestazione di Zingaretti sul Mes: meglio procedere con cautela perchè al Senato una fronda grillina è pronta per la trappola (Valentini sul Fg). Claudio Mancini (vice ombra di Gualtieri): “Il Pd non si può schiacciare sul Mes”. Chi deve capire ha capito (Caruso sul Fg)
 
Comando io. Travaglio detta la linea a Conte e grillini sulla legge elettorale: “non si scappa: maggioritario o proporzionale con preferenza unica o doppia di genere”. A Zingaretti non può imporre niente e quindi gli chiede di fargli sapere il prima possibile che intenzioni ha (Ft). Ainis su Rep dice esattamente le stesse cose ma senza ditino
 
Non solo prendere. Le richieste di Bonomi per Confindustria sono legittime ma la politica non deve guardare solo gli interessi degli imprenditori ma mediare tra esigenze spesso contrastanti fra le parti sociali. Il problema è che il governo non fa nè uno nè l’altro ma sforna solo task force (Manacorda su Rep)
 
Chiedi troppo. Il Presidente di Confindustria chiede a Conte di esplicitare una visione del Paese a lungo termine ma la vista lunga a Conte non gli appartiene proprio come forma mentis (Di Vico sul Cds. Una coltellata faceva meno male)
 
Bye bye Salvini. Titolo di Libero (con articolo del direttore Senaldi): “Idee chiare, coerenza, diplomazia: la Meloni vola sul tetto d’Europa”. Sottinteso: il contrario di Salvini
 
Lega. Guerra di posizione fra Salvini e Zaia: il (l’ex) capitano offre al governatore la presidenza della Conferenza Stato-Regioni per poter attaccare il governo. Zaia temporeggia (Zapperi sul Cds)
 
UE
 
Cambiali. Meloni, eletta presidente dei Conservatori europei, inizia a pagare le prime cambiali. Sul veto polacco al Recovery Fund: “La Polonia non è contraria al Recovery ma alle sue condizionalità eccessive”. Sul veto polacco alla distribuzione dei migranti: “Sono d’accordo coi polacchi: è l’Italia il problema” (int. sulla St)
 
ECR. Il partito dei Conservatori europei della Meloni è un OGM politico: una costruzione artificiale di partiti euroscettici che stanno insieme per convenienza. È nato come un capriccio di David nel 2009 perchè aveva bisogno di un gruppo politico per i suoi parlamentari (Carretta sul Fg)

 
ECONOMIA
Mala tempora. Debito pubblico quasi al 160% del Pil: punto mai alto raggiunto dal 1870 (pari a quello raggiunto alla fine della Prima Guerra Mondiale). Inoltre i soldi del Recovery Fund per investimenti diretti (che non vanno ad aumentare il debito) saranno solo 82 miliardi e l’esperienza ci insegna che non saremo in grado di spenderli (Fubini sul Cds)
 
Alitalia. La Nuova Alitalia di Stato è pronta (newco senza debiti, plafond fino a tre mld, dipendenti, presidente e ad) ma non può partire per una lotta interna fra i grillini sulla nomina del direttore generale e della ventina di manager della squadra di comando. Una fronda grillina candida come dg Giancarlo Zeni ma non piace all’ad Fabio Lazzerini, al Pd e allo stesso ministro grillino Patuanelli (Mancini sul Msg)

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi