E’ evidente che mentre ai tempi di Mani Pulite a Milano erano in azione il pool dei pm ed il pool dei direttori dei quattro giornali (Repubblica, Corriere della Sera, Stampa e Unità) che quotidianamente coordinavano le rivelazioni, nel caso Palamara – invece – si è costituito un unico pool composto da alcuni magistrati e da alcuni cronisti giudiziari che si sono battuti senza esclusione di colpi per la conquista della Procura di Roma, dopo l’onnipotente Pignatone. Da ciò deriva tutto, compreso l’uso selettivo del trojan che molte volte registrava ma in qualche caso ometteva di registrare l’esecuzione di Palamara. Poichè bisognava cancellare rapidamente tutto, allora è stato messo in piedi un processo sommario portato avanti con grande celerità, istruito da qualche piccolo Berja e gestito da qualche piccolo Vysinskij. E Dicendo questo non facciamo nessun riferimento al procuratore generale Giovanni Salvi..“.

 
A sostenerlo è il Presidente di ReL, Riformismo e Libertà, Fabrizio Cicchitto.

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi