Il Governo ha pubblicato il testo del nuovo Dpcm con le misure anti-contagio, firmato nella notte dal presidente del Consiglio Conte. Rispetto alle indiscrezioni degli ultimi giorni c’è una novità cromatica: la zona dove il rischio è minore non è più identificata con il verde ma con il giallo, per sottolineare che in tutto il Paese l’allerta deve rimanere alta. Ecco, in sintesi, tutto quello che c’è da sapere.

1) Per quanto tempo rimarrà in vigore il nuovo Dpcm?
Dal 5 novembre al 3 dicembre, a meno di proroghe.

2) Chi decide le zone in cui classificare ciascuna Regione?
Il ministero della Salute tramite decreto.

3) In base a quali criteri?
I parametri sono in tutto 21: tra questi, oltre all’indice RT, il numero dei sintomatici, dei ricoveri, dei contagiati nelle Rsa, la percentuale di tamponi positivi, il tempo medio tra sintomi e diagnosi, il numero di nuovi focolai, i posti letto occupati in rapporto a quelli disponibili.

4) Le Regioni possono cambiare zona?
Sì: al modificarsi dei coefficienti il passaggio da una zona all’altra è automatico, con la conseguente modifica delle misure da adottare. È comunque necessario un decreto del ministero della Salute.

5) Quali saranno le regioni nella zona rossa?
Con ogni probabilità, finiranno nella zona rossa la Lombardia, il Piemonte, la Calabria e la Provincia di Bolzano.

6) E quelle nella zona arancione?
L’elenco dovrebbe comprendere cinque Regioni: Campania, Puglia, Veneto, Liguria e Valle d’Aosta.

7) Come funziona il coprifuoco?
È in vigore in tutta Italia dalle 22 alle 5. In queste ore si può uscire solo per motivi di salute, lavoro o necessità improrogabile. Come in primavera, servirà l’autocertificazione. Se si tratta di un’urgenza, per ragioni di privacy, non è necessario indicare il nominativo della persona da cui si sta andando.

8) Quali misure sono previste nella zona gialla?
Oltre al coprifuoco, la zona gialla prevede anche altre limitazioni (che ovviamente vanno rispettate anche nella zona arancione e in quella rossa, a meno di misure ancor più stringenti):

  • Scuola: didattica a distanza al 100% per le superiori; alle elementari e alle medie l’attività si svolgerà in presenza, ma con l’obbligo di indossare le mascherine (sono esentati solo i bambini sotto i 6 anni).
  • Centri commerciali chiusi nei fine settimana, fatta eccezione per alcuni esercizi al loro interno (farmacie, parafarmacie, supermercati, edicole e tabaccherie).
  • Autobus, metro e treni regionali: il limite di capienza è ridotto al 50%.
  • Bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie: confermata la chiusura alle 18, ma c’è la possibilità di restare aperti per il pranzo della domenica. Consentite anche le consegne a domicilio e la vendita da asporto (quest’ultima solo fino alle 22, con il divieto per i clienti di consumare il cibo vicino agli esercizi o all’aperto).
  • I concorsi pubblici e privati sono sospesi, tranne quelli che si svolgono per via telematica e su base curriculare.
  • Parrucchieri, barbieri e centri estetici rimangono aperti.
  • Musei e mostre chiudono i battenti.
  • Slot machine, scommesse, videogiochi: chiusi tutti i “corner” dedicati a queste attività nei bar e nelle tabaccherie.

9) Quali le misure nella zona arancione?

  • Gli spostamenti interregionali sono proibiti, a meno che non siano motivati da “comprovate ragioni” di salute, lavoro o necessità improrogabile.
  • Lo stesso discorso vale per gli spostamenti fuori dal Comune di residenza.
  • Ristoranti, bar, pub, gelaterie e pasticcerie rimangono chiusi, ma possono vendere prodotti da asporto (fino alle 22) ed effettuare consegne a domicilio. Restano aperte le mense e i catering.
  • Sport: si può fare solo all’aperto, in modo individuale e all’interno del proprio Comune.

10) E nella zona rossa?

  • Spostamenti interregionali: per almeno 15 giorni sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dalle Regioni in zona rossa, salvo che per ragioni di salute, lavoro o necessità.
  • È vietato anche lasciare il Comune di residenza, con le stesse eccezioni previste per gli spostamenti fuori Regione.
  • Scuola: didattica a distanza a partire dalla seconda media. Rimangono aperti i nidi, le scuole per l’infanzia, le elementari e le prime medie.
  • Negozi chiusi fatta eccezione per farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole e rivenditori di generi alimentari. Chiudono anche parrucchieri, barbieri e centri estetici.
  • Ristoranti, bar, pub, gelaterie e pasticcerie rimangono chiusi. Sono permesse solo le consegne a domicilio e, fino alle 22, la vendita da asporto.
  • Sport: anche i centri all’aperto vengono chiusi; è permessa solo l’attività individuale, purché si rimanga vicini alla propria abitazione.

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi