Assange chiese al Dipartimento di Stato Usa di bloccare la pubblicazione dei documenti classificati non redatti.

I giornalisti di Project Veritas sono entrati in possesso della registrazione di una conversazione telefonica avvenuta il 26 agosto 2011 tra il cofondatore di WikiLeaks, Julian Assange, e Cliff Johnson, avvocato del Dipartimento di Stato Usa, all’epoca guidato da Hillary Clinton.
Nel corso della conversazione, Assange mette in guardia il governo statunitense sul rischio imminente di pubblicazione di documenti classificati non redatti sottratti a WikiLeaks. “Nel caso ci siano persone che non sono state avvertite, dovrebbero essere avvertite”, sottolinea il giornalista australiano, dicendosi disponibile ad assistere i suoi interlocutori nell’individuazione dei file rubati.
“Questa registrazione straordinaria (che non avevo mai sentito prima) conferma ciò che WikiLeaks ha sostenuto per anni, ma che i suoi critici hanno liquidato come bugie”, ha twittato Edward Snowden.
L’intera conversazione, della durata di 75 minuti, può essere ascoltata a questo link .

 

Boom di investimenti nel settore della Difesa

Martedì, il parlamento svedese ha approvato un aumento del 40% del bilancio della difesa per il periodo 2021-2025 a causa delle tensioni degli ultimi anni nella regione del Mar Baltico. Entro il 2025, il budget annuale della difesa ammonterà dunque a 89 miliardi di corone, pari a 11 miliardi di dollari.

Si tratta dell’investimento più significativo degli ultimi 70 anni, scrive Defense News .
Lo stesso giorno, il parlamento greco ha approvato un aumento del bilancio della difesa del 57%, sebbene nel 2019 il Paese abbia destinato alla Difesa ben il 2,3% del Pil.

Nei prossimi giorni, Atene firmerà un accordo con la Francia per l’acquisto di 18 aerei da combattimento Rafale.
Grecia e Svezia seguono l’esempio del Regno Unito, che in novembre aveva annunciato un incremento di 18,6 miliardi di euro spalmati su un arco temporale di quattro anni.

 

La svalutazione del dinaro libico

Il Consiglio di amministrazione della Banca centrale della Libia, convenuto in una riunione “unificata” per la prima volta in sei anni, ha fissato un nuovo tasso di cambio unico pari a 4,48 dinari per dollaro, in vigore dal 3 gennaio 2021 e aperto a tutti.

Negli ultimi due anni, due tassi di cambio sono coesistiti: un tasso ufficiale di 1,4 dinari per dollaro per le transazioni del settore pubblico, accessibile a un numero limitato di aziende e individui, e fino a sei dinari e oltre sul mercato nero.
Intanto la produzione di petrolio nel Paese è salita a 1,28 milioni di barili al giorno, ha fatto sapere la National Oil Corporation (NOC)
Il 1 dicembre scorso, la Camera di commercio americana in Libia (AmCham Libya) ha organizzato un incontro virtuale sulle prospettive di investimento del settore privato nello Stato del Nordafrica.

Secondo l’ambasciatore degli Stati Uniti in Libia, Richard Norland, il processo politico in corso fornisce ai leader politici ed economici libici un’opportunità unica per attuare riforme e fare del Paese un partner forte e affidabile per gli investimenti degli imprenditori americani.

 

Le politiche ambientali dell’UE in Ucraina

La moratoria dell’Ucraina sulle esportazioni di legname non lavorato è illegittima e va abolita immediatamente.

Lo ha stabilito, l’11 dicembre scorso, il Collegio arbitrale incaricato della risoluzione delle dispute nell’ambito dell’Accordo di associazione tra l’Ucraina e l’Unione europea.

Quest’ultimo, infatti, proibisce esplicitamente qualsiasi divieto di esportazione.
Secondo quanto riportato nel rapporto finale, la moratoria, introdotta nel 2015, non serve gli obiettivi di protezione ambientale contemplati dall’accordo, ma sarebbe motivata dalla necessità di proteggere l’industria nazionale ucraina.
La qual cosa, evidentemente, non rientra nei diritti dello Stato che Bruxelles, nel 2014, supportò nella sua lotta per la “democrazia”.  

 

News a cura di Giulia Zanette per Andromeda Project News

CONTINUA A LEGGERE SU ECODAIPALAZZI.IT

Seguici su:
Facebook  |  Youtube  |  Telegram  |  Twitter

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi