Connect with us

Hi, what are you looking for?

Governo

Approvata la riforma sul riordino della Protezione civile

Via libera definitivo della Camera al disegno di legge delega di riforma della Protezione civile. Il provvedimento è stato approvato con 304 voti favorevoli, 38 contrari e 107 astenuti. Le necessità di modifica nascono dal bisogno di integrare la normativa di riferimento sul sistema nazionale di Protezione Civile, riportando a unità e a maggiore equità per i cittadini la pluralità di situazioni, spesso molto disomogenee a livello territoriale, determinatesi di volta in volta per effetto delle Ordinanze emanate a seguito di eventi calamitosi.

Il costo complessivo dei danni provocati in Italia da calamità naturali è pari a circa 3,5 miliardi di euro all’anno e le risorse necessarie per fronteggiare gli effetti causati da questi eventi superano di gran lunga i costi che sarebbero necessari a prevenire i danni. Il disegno di legge è composto da un solo articolo, suddiviso in sette commi.

Il comma 1 stabilisce che la delega debba essere esercitata entro nove mesi e ne delinea gli ambiti, tra i quali la definizione delle attività di protezione civile; la distinzione tra le funzioni di carattere politico e quelle di gestione amministrativa; la partecipazione dei cittadini alle attività di protezione civile; la disciplina dello stato di emergenza e la previsione del potere di ordinanza in deroga a norme vigenti; il finanziamento attraverso il fondo della protezione civile, il fondo per le emergenze nazionali e il fondo regionale di protezione civile; le procedure finanziarie e contabili che devono rispettare i commissari delegati titolari di contabilità speciale.

Il comma 2 definisce i principi e i criteri direttivi, tra i quali l’identificazione delle tipologie dei rischi per i quali si esplica l’azione di protezione civile; l’omogeneizzazione, su base nazionale, delle terminologie e dei codici adottati per classificare le diverse attività; l’introduzione di strumenti di semplificazione volti alla riduzione degli adempimenti amministrativi.

Il comma 3 prevede che i decreti legislativi provvedano anche alla semplificazione normativa. Sono tra l’altro fissate, infine, una clausola di invarianza finanziaria e la possibilità che il Governo possa adottare disposizioni integrative o correttive entro due anni dall’entrata in vigore dei decreti legislativi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it