Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Dalla 'corona pizza' ai mafiosi, forse non basta più indignarsi

Prima la presa in giro sulla pizza da parte dei francesi di Canal Plus. Poi le esternazioni del presidente brasiliano Jair Bolsonaro che, dopo aver etichettato il coronavirus come un raffreddorino, ha sentenziato che in Italia si muoia di più perché siamo una specie di immenso gerontocomio.

Infine, il titolo molto ‘garbato’ del tedesco ‘Die Welt’ che ci dà apertamente dei mafiosi: viene da chiedersi chi ci tirerà addosso la prossima manciata di fango.

ll pessimo titolo del quotidiano conservatore tedesco Die welt

Gli inglesi dell’immunità di gregge e di Boris Johnson ospedalizzato? Gli olandesi che, fermati i mulini a vento, si sono premurati di sgonfiare il salvagente degli eurobond? Qualche Paese del blocco di Visegrad dove sembra che il Covid19 sia di passaggio e dove Orban ha esautorato il Parlamento? Tranquilli.

Come per il video sulle ‘corona pizze’ (poi ritirato con tanto di scuse), anche questa volta il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, si è indignato chiedendo che il governo di Berlino si dissoci dalla visione del quotidiano conservatore con sede ad Amburgo. Non stentiamo a credere che, pure in questo caso, arriverà la consueta marcia indietro, magari pilotata da qualche ministro di Angela Merkel o da parte della cancelliera medesima. Ma a voler pulire il fango ci si sporca ancora di più. Al di là della bassezza di certe insinuazioni e di certa ironia cialtronesca a scarso impatto emotivo, resta il fatto che in Europa di noi pensano questo. Sì, poi colorano la Tour Eiffel con il tricolore e ci lisciano il pelo. Ma sempre con il guanto di ferro. E’ vero, la pizza è cosa nostra (con la c e la n minuscole…), la mafia è Cosa Nostra (con la C e la N maiuscole), però non è che fuori dai patrii confini ci siano solo mondi fiabeschi.

Francesi e tedeschi hanno le loro grane, in Brasile le spiagge di Copacabana e Ipanema non funzionano più nemmeno per le riviste patinate… Insomma, scendendo allo stesso livello potremmo cominciare a sparlare anche noi. Facilmente. Ma è bello, sarebbe bello, che non lo facessimo. Ma che ci indignassimo magari un po’ di più, magari alzando la voce, magari non porgendo sempre l’altra guancia. Recita un vecchio adagio: chi si fa pecora il lupo lo mangia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it