Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Il Covid minaccia la memoria vivente della Resistenza

C’è anche la memoria ancora vivente della Resistenza, tra gli anziani sotto attacco del coronavirus: i partigiani, che nella generazione più colpita nell’emergenza contano molte vittime.

“Esiste il rischio che la memoria si sfilacci – avverte Roberto Cenati dell’Anpi di Milano -. Ed è compito nostro tenerla viva e legata alla conoscenza della storia”. A Bergamo, una delle province epicentro del covid, “dal 15 febbraio ad oggi sono scomparsi 15 tra partigiani, patrioti e benemeriti”, racconta Mario Magistrati dell’Anpi.

Tra i nomi più significativi cita Pierina Vitali, 96 anni, dell’86esima brigata Garibaldi ‘Issel’ in Val Taleggio, “una coraggiosa staffetta partigiana – racconta -, figura particolarmente importante perchè grazie a lei si riusci’ ad arrestare un ufficiale tedesco. Poi venne scoperta e torturata a lungo perchè rivelasse i nomi”. Non parlò. Oppure Bruno Codenotti, allora giovanissimo, classe 1929. “Partecipò all’occupazione della Prefettura, insieme agli uomini della Banda Barba, il 25 aprile 1945. Riuscirono a respingere l’assalto di parte della colonna fascista di Resmini in fuga dalla Città”, ricorda, “nel dopoguerra a lungo un riferimento per tutto l’antifascismo, coppia indissolubile della Resistenza con la compagna Angelica Casile, ‘Cocca’, partigiana, scomparsa un paio di anni fa”. E staffetta fu Francesco Nezosi del 1930, testimone oculare della battaglia di Fonteno il 31 agosto ’44. Solo a gennaio collaborava a un progetto con Anpi per costruire un sentiero didattico sui luoghi della battaglia di Fonteno. “Era attivissimo, stava molto bene e aveva voglia di trasmettere la storia, la resistenza e la difesa dei valori della costituzione”.

Angelo Legnani, classe 1925, 171esima Sap Garibaldi a Pontirolo, scomparso anch’egli in questi giorni di pandemia, “al 70esimo anniversario fece un discorso molto appassionato che si concluse con un monito – ricorda Magistrati -: “Siamo chiamati a difendere le conquiste della Resistenza: un Paese senza memoria è un paese senza futuro”. A Genova, “nel giro di pochi giorni – racconta Massimo Bisca dell’Anpi provinciale – sono scomparsi Bruno Cristofanini, partigiano a 16 anni di Genova Cogoleto, Nereo Zopp di Sturla e poi personalità molto legate all’Anpi da una vita come Nino Rodà, o Franco Tassistro, molto conosciuto in Valpolcevera”.

Impossibile a caldo far un elenco esaustivo su tutta Italia. Cenati di Milano segnala ad esempio la recente scomparsa, non si sa se per covid, di Silvestre Loconsolo, partigiano e poi noto fotografo degli scioperi e delle lotte operaie, 99 anni. Oppure a 100 anni di Giuseppina Marcora, staffetta, cattolica, sorella dello scomparso Giovanni ‘Albertino’ Marcora, a lungo ministro dell’Agricoltura, e già partigiano. O di Tonino Guerra, “partigiano a Rho aveva 93 anni, era malato da tempo”. O ancora Savino Frascari partigiano sull’apennino emiliano, del 1928, trasferitosi nel dopoguerra a Milano. “Fuori Milano è deceduta per covid Gina Saracco del 1926 di Pinerolo, partigiana combattente”, o Wanda Canna, staffetta partigiana della Valsesia di 98 anni. “Nel 2016 avevamo conferito i diplomi di partigiani del ministero della difesa a 100 partigiani – ricorda Cenati -. Nel giro di 4 anni se ne siano andati più della metà”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Antonio Ammaturo sognava fin da giovanissimo di entrare in Polizia; ci riuscì e cominciò ad operare nella prima parte della sua vita tra Bolzano,...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it