Connect with us

Hi, what are you looking for?

Parità

Luci ed ombre sulla disciplina giuridica delle unioni civili omosessuali

A pochi giorni dalla Giornata mondiale contro l’omofobia celebrata il 17 maggio e in occasione del Pride Montha giugno 2020, si riapre, a livello nazionale e internazionale, il dibattito sul contrasto alle discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale 

Al riguardo, negli ultimi anni, l’ordinamento italiano ha compiuto notevoli passi avanti nel riconoscimento di una maggiore tutelagrazie alla virtuosa collaborazione con la Corte europea dei diritti dell’uomo e la Corte di Giustizia dell’Unione europea. Nel 2016 è stata approvata la legge Cirinnà che ha riformato il diritto di famiglia introducendo la regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze di fatto. Anche in giurisprudenza si è registrata una progressiva apertura, con il riconoscimento, per le coppie omosessuali, ricondotte alle formazioni sociali ex art. 2 Cost., della possibilità di ricorrere alla stepchild adoption (adozione in casi particolari deminore, da parte del partner del genitore naturale). Resta invece precluso il ricorso alla procreazione medicalmente assistita con fecondazione eterologa (Corte. cost. 221/2019), ammessa dalla Consulta per le coppie eterosessuali affette da unapatologia che sia causa di sterilità o infertilità assolute ed irreversibili e per le coppie fertili portatrici di malattie genetiche trasmissibili particolarmente gravi, e il divieto, di carattere generale, del ricorso alla maternità surrogataResta ancora aperto il problema relativo alla possibilità di riconoscere l’efficacia del provvedimento giurisdizionale straniero con cui sia stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all’estero tramite il ricorso alla maternità surrogata e il genitore non biologico cittadino italiano (sul punto pende un giudizio di legittimità costituzionale). 

Si tratta di questioni giuridiche di massima rilevanza, che coinvolgono valori fondamentali della persona umana, tutelati dalla nostra Carta costituzionale, dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, dalla Convenzione di New York del 1989 delle Nazioni Unite e dalla Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europeail diritto di avere una famiglia, il diritto alla genitorialità, il principio di uguaglianza, nelle sue declinazioni formale e sostanziale, la dignità della persona, il diritto all’autodeterminazione. Il bilanciamento di questi valori – esigenza fondamentale di uno Stato pluralista e democratico come il nostro – è tutt’altro che semplice e deve essere effettuato tenendo conto che l’interesse preminente è quello del minore e che i genitori non hanno solo diritti ma anche e soprattutto doveri. 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it