Connect with us

Hi, what are you looking for?

Parlamento

Maggioranza divisa sul Mes. Il meccanismo europeo di stabilità arriverà in parlamento tra oltre un mese

Matteo Renzi scommette un caffè: “Il presidente del Consiglio, alla fine, farà ricorso al Meccanismo Europeo di Stabilità”, dice di buon mattino. Un caffè dal valore di 37 miliardi di euro che, però, rende particolarmente nervosa una parte del Movimento 5 Stelle asserragliata dietro le barricate anti Mes. Una partita che si riaccende e che rischia di creare non pochi problemi al governo. Se nel partito trasversale dei contrari trovano posto, con parte del M5s, anche Giorgia Meloni e Matteo Salvini, in quella dei favorevoli, assieme alle forze di maggioranza, voterebbe Silvio Berlusconi. Non è un caso che a Silvio Berlusconi e a Forza Italia abbia fatto riferimento venerdì Il vice segretario del Pd, Andrea Orlando, nel corso dell’assemblea della sua corrente: “Se chiedi i soldi all’Europa, non puoi fare un governo di unità nazionale con chi avversa l’Unione Europea. Le due cose non stanno insieme. Non ce l’ho con la Meloni o con Salvini, ma la Meloni ha proposto di stampare moneta fino a poche settimane fa e dice di andare in Europa e dare schiaffi“. Ma, aggiunge Orlando, “dentro quella compagine c’è in ostaggio un pezzo con il quale bisogna parlare perchè sul tema dell’Europa è su posizioni diverse“. E a Berlusconi sembra guardare anche Renzi: “Oggi dobbiamo cercare di aprire alle opposizioni, che sono un pò diverse. Berlusconi sul Mes dice alcune cose, Salvini e Meloni delle altre“.

A completare il quadro arriva la precisazione del ministro per gli Affari Europei rispetto alle dichiarazioni di chi paventava una fuga in avanti del governo senza passaggio parlamentare: “Nel corso di luglio si valuteranno con iI governo, dati alla mano, quelle che sono le nostre necessità. Tutti gli strumenti di politica fiscale europei hanno bisogno del voto del Parlamento, sono accordi che per prassi istituzionali devono essere vidimati dal Parlamento italiano”. Si potrebbe venire così a definire, al momento della verità in Parlamento, una maggioranza trasversale che rimetterebbe in discussione i rapporti fra gli alleati, “un pò come accaduto con Il voto sulla Tav al Senato prima della fine del Conte I“, paventano fonti M5s.

Una prospettiva che nessuno, a partire dal Pd, vuole vedersi realizzata, tanto che il segretario Nicola Zingaretti sottolinea la necessità di evitare “dibattiti ideologici” sul ricorso allo strumento europeo ed agire velocemente. La linea dei dem è quella enunciata nelle scorse ore da Zingaretti: “Il Mes è uno strumento fondamentale per rilanciare i nostro sistema sanitario nazionale“. Nonostante questo, però, il presidente del Consiglio sembra prendere tempo: “Per quanto riguarda Il Mes, sono abbastanza testardo e non cambio idea dall’oggi al domani: quando avremo tutti i regolamenti li studierò e li porterò in Parlamento. E con il Parlamento decideremo. Siccome sembrano soldi regalati, ricordiamo a tutti quanti che è un prestito. Quando c’è un prestito, molto dipende da utilità e convenienza, dalle condizioni che vengono fatte“, aggiunge il premier”. E dunque, fino alla prima metà di luglio, quando potrebbe esserci il Consiglio Ue finale sul piano di aiuti, il Mes in Parlamento non approderà.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it