Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Nessuno indaga sui reati dei magistrati

Un passo indietro per andare avanti in una storia italiana vergognosa. L’ex magistrato Luca Palamara qualche tempo fa ha deciso di raccontare le porcherie della categoria nella quale ha militato per molti anni. Non soddisfatto ha rilasciato una lunga intervista ad Alessandro Sallusti, direttore del Giornale, il quale ne ha ricavato un libro per Rizzoli che ha avuto un successo di vendite straordinario, essendo ancora in vetta a ogni classifica commerciale.

Segno che il tema giudiziario interessa assai al pubblico italiano, frastornato dalle notizie riguardanti il cattivo funzionamento della Giustizia. E fin qui c’è poco da stupirsi, in quanto gli errori macroscopici delle toghe non costituiscono affatto una novità. C’è una cosa invece di questa vicenda anche editoriale che meriterebbe una spiegazione approfondita.

Tutti sanno, perfino io che non ho una cultura giuridica raffinata, che nel nostro ordinamento esiste l’obbligatorietà dell’azione penale. Vuol dire che se una Procura viene a conoscenza di una notizia di reato deve procedere, aprendo una inchiesta. Ebbene, nel tomo pubblicato un paio di mesi fa, e firmato dal mio collega Sallusti, è contenuta la descrizione puntigliosa di numerosissime scorrettezze commesse da pm e giudici di vario grado, sulle quali stando alle regole bisognerebbe aprire procedimenti onde verificarne la legittimità o meno. Eppure tutto tace. Non c’è l’ombra di un procuratore che abbia sentito il dovere di fare chiarezza sugli episodi narrati da Palamara.

Mi domando per quale motivo tutto il materiale scottante raccolto da Sallusti sia rimasto e rimanga lettera morta, come si trattasse di bazzecole. È vero che ogni corporazione tende a proteggersi da attacchi esterni, ma ciò non giustifica chi amministra la legge a violarla impunemente. Un minimo di onestà imporrebbe ai magistrati di dimostrare al popolo che pure nella loro casta. Non vi sono intoccabili, e che chi sbagliane deve rispondere. Ogni cittadino che sgarra nel nostro Paese viene sanzionato, tranne lor signori dei tribunali, i quali, se incorrono in eventuali svarioni, la fanno franca: i risarcimenti sono a carico dello Stato. Ovvio che i magistrati, essendo sollevati da ogni onere economico, agiscano a cuor leggero e talvolta scivolino in una inesattezza di giudizio fottendosene delle loro vittime.

Tornando alla obbligatorietà dell’azione penale, ci appelliamo al presidente della Repubblica affinché si impegni a far rispettare la norma. E non comprendiamo la ragione per cui non abbia ancora agito, pur essendo egli il capo del Csm. Siamo al corrente che è impegnato in mille manifestazioni pubbliche, soste davanti a lapidi di defunti, commemorazioni di ogni genere, consegna di onorificenze, tuttavia lo preghiamo di dedicare un po’ di attenzione pure a chi usa la toga come uno straccio.

[Dall’edizione odierna di ‘Libero’, a firma V. Feltri]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it