Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

D’Alema avrebbe percepito somme irregolari, la fondazione per gli studi progressisti europei gli fa causa

La Feps, la fondazione per gli studi progressisti europei, conferma di aver avviato un’azione legale nei confronti dell’ex presidente Massimo D’Alema dopo aver tentato senza successo una soluzione extragiudiziale volta a ottenere il rimborso delle somme versate in esecuzione del contratto per la remunerazione dell’esponente politico italiano negli anni che vanno dal 2013 al 2017. E’ quanto si legge in una nota della Fondazione. In seguito ad un processo di revisione interna che si è tenuto nel 2019 dopo un cambio del management, la Feps – viene spiegato – ha riscontrato un’irregolarità relativa a un contratto per la remunerazione del suo ex presidente Massimo D’Alema negli anni che vanno dal 2013 al 2017.

“Il contratto firmato dall’ex segretario generale Ernst Stetter e dall’ex presidente Massimo D’Alema – continua – non era mai stato presentato o convalidato né dal Bureau della FEPS né dall’assemblea generale della FEPS, come richiesto dalle norme e dai regolamenti applicabili. Nella storia della FEPS, gli organi di governo della fondazione non hanno mai deciso di remunerare il presidente. A causa della mancanza della procedura appropriata, il contratto è considerato irregolare”.

A gennaio 2020, viene ancora ricostruito, “il Bureau della FEPS è stato debitamente informato” e “ha confermato di non essere a conoscenza del contratto o dei relativi pagamenti. Ha concluso che il contratto e i relativi pagamenti non potevano essere accettati e ha autorizzato il presidente e il segretario generale, con il supporto di consulenti legali, ad avviare discussioni con il signor D’Alema per identificare una soluzione extragiudiziale volta a ottenere il rimborso delle somme versate in esecuzione di tale contratto. In assenza di un accordo, il 30 marzo 2021 è stata convocata un’assemblea generale straordinaria” che ha chiesto alla leadership “di avviare un’azione legale di responsabilità per proteggere l’interesse finanziario e l’integrità della FEPS, nel caso in cui una soluzione extragiudiziale non fosse stata accettata dall’ex presidente D’Alema. Ad oggi, nel pieno rispetto del mandato conferito dagli organi di governo della FEPS, e in assenza di un accordo formale con l’ex presidente Massimo D’Alema, la FEPS ha avviato una procedura giudiziaria per garantire la conformità con le norme e i regolamenti applicabili”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Antonio Ammaturo sognava fin da giovanissimo di entrare in Polizia; ci riuscì e cominciò ad operare nella prima parte della sua vita tra Bolzano,...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it