Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Ambiente, l’annuncio del ministro Giovannini: “Addio auto a benzina e diesel entro il 2040”

Per le auto a benzina e a diesel il conto alla rovescia è partito: “Nel governo stiamo ancora ragionando. Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissato il limite al 2030. Altri al 2040. A luglio arriverà l’indicazione della Commissione Europea. Noi presto decideremo, ma direi che il 2040 è una data limite”. Lo dice il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini in un’intervista a TechTalk pubblicata su La Repubblica. I costruttori su questo “stanno accelerando moltissimo” aggiunge, annunciando imminenti incentivi per rinnovare il vecchissimo parco circolante di vetture. Tutti i dati “ci indicano che per gli spostamenti più brevi l’uso della mobilità dolce cresce molto. Siamo davanti a una rivoluzione. Ma ora dobbiamo capire cosa avverrà a settembre. Ho chiesto all’Istat uno studio su come le famiglie pensano di cambiare il modo di spostarsi dopo l’estate” spiega. Rispetto allo smart working “nel decreto che abbiamo approvato abbiamo tolto il limite del minimo 50%, ma e’ stato letto male. Non è un ritorno in ufficio, dipenderà dalle situazioni”. Nel Pnrr per Infrastrutture e mobilità sono a disposizione 41 miliardi, “in realtà sono 61 se consideriamo tutti i fondi a disposizione. Serviranno. Le infrastrutture sostenibili sono un concetto nuovo: farlo secondo l’economia circolare vuol dire progettarle per il riuso”.

Per i porti c’è un investimento dedicato di 4 miliardi “per trasformarli in porti verdi” portando l’elettricità in banchina, “cosi’ le navi spegneranno i motori a gasolio in porto. E poi ridurre i tempi di logistica per diminuirne l’impatto ambientale”. In 5 anni l’Alta velocità ferroviaria arriverà in alcune tratte del sud. Gli aeroporti “sono cambiati come luogo in modo radicale. L’integrazione fra trasporto aereo e ferroviario sarà cruciale”. Enormi investimenti anche sulle bici, “abbiamo 600 milioni da spendere solo sulle piste ciclabili”. Sui monopattini, dai dati emerge il fatto “che i giovani preferiscono questo tipo di mobilità. Dobbiamo assicurare la sicurezza delle persone facendo molto di più dal punto di vista dell’educazione stradale”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it