Connect with us

Hi, what are you looking for?

Rassegna

“Dai giornali”, press review 8 luglio 2021

Riforma della giustizia. La proposta Cartabia sul nodo della prescrizione mette d’accordo tutti: congelamento della prescrizione dopo il primo grado di giudizio ma limite di due anni alla conclusione del processo di appello e di un anno a quello in Cassazione (Piccolillo sul Cds). I grillini si sono fatti fregare: è un Salvaladri molto peggiore di quello presentato da Berlusconi nel ’94 (Travaglio sul Ft);

Ddl Zan. Castagnetti: «Nel ddl ci sono parti sbagliate che andrebbero cambiate ma so che non avverrà perché il braccio di ferro riguarda altro» (Cesaretti sul Gn); Zanda: «Sarebbe molto grave se un ex segretario del Pd e premier di centrosinistra votasse con la Lega» (int. su La St);

“Renziani incappucciati” . I “renziani incappucciati” del Pd  pronti a scaricare su Letta la responsabilita del naufragio della legge cosicché possa ricominciare la rumba della ricerca del nuovo segretario. Bonaccini si sta riscaldando a bordo campo da anni ma i renziani non riescono a farlo entrare (Padellaro sul Ft);

Zingaretti vs Cina. Zingaretti si è stancato dei rifiuti e dei concorsi truccati: «Blinken ha perfettamente ragione: il rapporto con la Cina potrà progredire positivamente solo se saranno chiari i suoi confini politici e se vi sarà una chiarezza nella funzione dell’Italia». Fuori i muscoli: «Il tema della reciprocità in ambito economico va affrontato in maniera più decisa». Draghi è sulla strada giusta: «La collocazione pienamente atlantista ed europeista è la strada che bisogna perseguire» (lettera al Fg);

Rientro dal debito. Mondi ben rappresentati in Europa sono ansiosi di riavviare meccanismi di sorveglianza del debito pubblico «non appena la festa sarà finita». Con un debito pubblico al 160%, per l’Italia sarebbe un massacro sociale per i prossimi 25 anni. L’unica soluzione è la ricetta Draghi («emissione di debito sicuro per stabilizzare le economie») ma l’Italia deve recuperare credibilità (Fubini sul Cds);

M5s. Compromesso quasi raggiunto: Grillo rinuncerebbe a metter bocca su nomine e comunicazione e Conte non sarebbe più il capo politico ma il Presidente e dovrà convivere in qualche modo con l’Elevato (Guerzoni e Buzzi sul Cds). Anche se lo raggiungessero, durerebbe una settimana (GL).

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it