Connect with us

Hi, what are you looking for?

Comunicati Stampa

Giustizia, Forciniti (AC): “Oggi è la Domenica delle salme, resa incondizionata di voci potenti”

Il deputato de "L'Alternativa c'è" Francesco Forciniti

Ci avete convocato alle due di pomeriggio di domenica in pieno agosto per blindare quella che è in assoluto, per distacco, la peggiore legge della storia di questa Repubblica. Non era facile battere i record precedenti che risalivano probabilmente all’epoca del berlusconismo, ma ci siete riusciti. Complimenti veramente, perché ci siete riusciti!”.

Lo ha affermato Francesco Forciniti, deputato de L’Alternativa C’è intervenendo nell’aula di Montecitorio durante la discussione generale sul ddl delega di riforma del processo penale.

E voi, – ha sottolineato – tra l’altro, quelli che hanno convocato questa seduta forzando ogni procedura e facendo strame di qualsiasi parvenza e residuo di democrazia parlamentare, siete gli stessi che avete tenuto in pancia 40 miliardi di sostegni per quattro mesi prima di aiutare partite IVA, famiglie e cittadini italiani. Poi però, per blindare questa porcheria di riforma della giustizia, ci chiamate qui di domenica, ad agosto, alle due di pomeriggio, mentre la gente è al mare, perché sapete di avere la coscienza sporca per la porcheria che state propinando a questo Paese. Lo sapete, altrimenti non vi comportereste così”.

A me questa domenica grigia e cupa – ha proseguito Forciniti – ricorda tanto il clima tetro di una celebre canzone di Fabrizio De André, La domenica delle salme, un pezzo meraviglioso, nel quale De André racconta proprio uno spaccato di società, di storia italiana, dal dopoguerra fino almeno all’epoca di Tangentopoli, proprio racconta la vittoria del conformismo strisciante, della dittatura del pensiero unico e la resa incondizionata anche di chi aveva – lo dice De André – voci potenti, lingue allenate a battere il tamburo, avevate voci potenti, adatte per il vaffanculo, eppure quelle voci potenti decisero di cantare in ginocchio per la pecunia. Questo disse De André in maniera profetica. E il regime non ebbe neanche il bisogno di spargere sangue o seminare violenza perché la domenica delle salme nessuno si fece male, il gas esilarante presidiava le strade. La domenica delle salme accompagnarono tra i flauti il cadavere di Utopia. Questo successe nella domenica delle salme e questo sta succedendo in questo Paese. Un momento di totale resa incondizionata anche di chi aveva la possibilità di dire qualcosa in questo momento storico ma invece ha rinunciato per chissà quali oscure ragioni”.

Qui – ha concluso l’esponente de L’Alternativa C’è – si sta mettendo sotto i piedi in un colpo solo lo stato di diritto, la certezza della pena, il principio della separazione dei poteri, trent’anni di legislazione antimafia, orgoglio di questo Paese e anche quel poco che rimaneva di democrazia parlamentare. Tutto messo sotto i piedi con un solo provvedimento”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it