Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Dopo le violenze Letta chiama a Piazza, il centro-destra si sfila

La politica si unisce nella condanna ai violenti che hanno messo a ferro e fuoco la Capitale e tutti sono solidali con la Cgil dopo lo sconvolgente assalto squadrista di ieri. Tantissimi i leader accorsi a Corso Italia, per esprimere vicinanza al primo sindacato italiano. Ma l’appello lanciato dal leader del Pd Enrico Letta per una grande mobilitazione di piazza contro il fascismo, sabato 18, sotto le bandiere dei sindacati confederati non raccoglie l’effetto sperato. Matteo Salvini e Giorgia Meloni dicono no e vengono accusati di ambiguità. “Io condanno ogni estremismo di destra e di sinistra”, dice il leader della Lega, mentre la presidente di Fdi condanna la violenza di piazza ma dice di “non sapere quale ne sia la matrice”. Insieme chiedono il conto al ministro Lamorgese. Forza Italia, la forza più moderata del centrodestra, fa sapere invece che non sarà a manifestazioni, giudicate “strumentali” alla vigilia dei ballottaggi. Solo Osvaldo Napoli di Coraggio Italia, annuncia la sua presenza a Roma. Nessun accordo bipartisan nemmeno sulla mozione, avanzata dal dem Emanuele Fiano, che domani chiederà al governo di sciogliere Forza Nuova. Anche su quel fronte il centrodestra nega il suo appoggio. “La magistratura italiana e la nostre leggi – spiega Francesco Lollobrigida – prevedono già quali siano gli elementi e le norme per agire nei confronti di queste associazioni. Non spetta a me sostituirmi agli inquirenti né alla magistratura. Noi siamo il partito della legalità, siamo contro ciò che contrasta con la legge ma – conclude il capogruppo FdI alla Camera – non spetta a me decidere, c’è già la Costituzione che assegna questo diritto dovere alla magistratura”. Forse spenta dunque l’aspirazione del segretario dem, condiviso anche dal leader Cinque Stelle, Giuseppe Conte, era quello di far rinascere lo spirito unitario che in passato diede vita al cosiddetto “arco costituzionale”, quell’insieme di forze divise tra maggioranza e opposizione ma convergenti nel rivendicare il valore dell’antifascismo come elemento fondante della Costituzione della Repubblica. “Saremo anche noi sabato 16 a Roma alla manifestazione convocata da Cgil Cisl Uil. Invito le democratiche e i democratici alla massima mobilitazione”, è l’appello di Letta, lanciato sui gradini davanti alla sede della Cgil, dopo aver visto di persona i danni provocati dai neofascisti e no vax ieri. Detto questo, polemiche a parte, oggi è stato il momento della riflessione dopo i gravissimi fatti di ieri. Davanti alla Cgil, il suo leader Maurizio Landini ha accolto l’omaggio di tutte le forze politiche. Nel centrodestra, Silvio Berlusconi ha addirittura chiamato a telefono il segretario per manifestare a lui e a tutto il sindacato vicinanza e solidarietà per l’inaccettabile violenza che, recita una nota, “nulla a che fare con la politica e con la democrazia”.

Anche Fratelli d’Italia s’è recata a Corso Italia. Giorgia Meloni, era a Madrid, così è stato il capogruppo alla Camera, Francesco Lollobrigida a portare il saluto e la vicinanza sua e di tutto il partito al sindacato. La Lega, unica assente a Corso Italia, ha affidato alla sua sottosegretaria al Lavoro, Tiziana Nisini, il compito di chiamare Landini e esprimere solidarieta’ a nome del partito, per “l’ignobile gesto” di ieri. “Non tornerà il fascismo, non verrà il comunismo, abbiamo la democrazia, gli italiani amano la libertà e nel nome della libertà c’è la libertà di manifestare”, chiosa a sera il leader della Lega, che rimanda ai giudici e non alla politica il compito di sciogliere partiti neofascisti.

di Marcello Campo

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it