Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Energia: Contro il caro bollette il premier assicura un intervento di “ampia portata”

Sul testo, che sarà noto dalla prossima settimana, è da giorni al lavoro il ministro Daniele Franco con i tecnici del Me

Per ridurre l’impatto del prezzo dell’energia sulle bollette il governo prepara un “intervento di ampia portata”, tra i 5 e i 7 miliardi, che dovrebbe andare in Consiglio dei ministri la prossima settimana. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha colto l’occasione della visita a Genova per tornare sul tema, dopo che ormai da giorni c’è un pressing quotidiano dei partiti (in particolare del centrodestra ma non solo) per un nuovo decreto che limiti i rincari. Nel capoluogo ligure, disegnando le prospettive del prossimo futuro a partire dal Pnrr, Draghi ha aggiunto a braccio nel suo discorso una rassicurazione: “Il Governo non dimentica il presente e il presente oggi ci fa vedere una realtà caratterizzata dalle difficoltà che famiglie e imprese hanno per l’aumento dei prezzi dell’energia elettrica. Il Governo sta preparando un intervento di ampia portata nei prossimi giorni”. Sul testo è da giorni al lavoro il ministro Daniele Franco con i tecnici del Mef.

Dopo i 5,5 miliardi giù utilizzati nel primo trimestre, il nuovo intervento sarà tra i 5 e 7 miliardi, secondo quanto riferito dalla sottosegretaria Maria Cecilia Guerra. “Sono allo studio del Governo misure e modalità di reperimento delle risorse idonee ad accrescere l’ammontare degli aiuti concessi, anche al fine di garantire un adeguato sostegno per il secondo trimestre dell’anno”, ha detto oggi il ministro dei Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà. C’è però, assicurano dall’esecutivo, un punto fermo: evitare un nuovo scostamento di bilancio, cosa che invece chiedono a gran voce molte forze della maggioranza. Il dl comunque, spiegano fonti di governo, non andrà nel Consiglio dei ministri che dovrebbe tenersi venerdì, ma in una seduta da convocare la prossima settimana. Matteo Salvini esulta, intestandosi il “merito” dell’iniziativa. “Dopo mesi di proposte, richieste e insistenze della Lega, finalmente ci siamo”, dice il leader del Carroccio.

Commenti positivi anche dal M5s, che chiede un “confronto fattivo tra Governo e Parlamento per raggiungere l’obiettivo in tempi brevi e con risultati efficaci”. Giorgia Meloni apre a una interlocuzione per “dare il suo contributo” in Parlamento ma senza “fare sconti” all’esecutivo. Da parte sua Enrico Letta presenta le proposte del Pd, chiedendo di “intervenire ora, subito, è fondamentale per evitare che si blocchi la ripresa, chiudano aziende e si indebitino le famiglie”. Nello stesso Cdm della settimana prossima potrebbe andare anche un intervento “correttivo” sul superbonus 110%, altro tema “forte” di molti partiti, M5s in testa. Il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli chiede una modifica alle novità inserite nel meccanismo della cessione dei crediti e un prolungamento della misura per le monofamiliari, “visti i due mesi di stop subiti”.

Nel Cdm di questa settimana, che dovrebbe essere convocato per venerdì mattina, potrebbe invece andare la riforma del Csm, anche se sul dossier è ancora in corso il confronto tra la ministra della Giustizia Marta Cartabia e i partiti per cercare un accordo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it