Connect with us

Hi, what are you looking for?

CULTURA

8 Marzo: Per il Mur in 15 anni è stata ridotta la forbice sulle carriere delle donne nelle Università

Sebbene ci sia ancora una distanza da colmare, l’Italia, dal 2005 al 2020, ha ridotto il valore della probabilità delle donne rispetto agli uomini di raggiungere la qualifica più elevata nella carriera accademica, passando da 1,84 a 1,52 del Glass Ceiling Index (Gci), un valore leggermente inferiore alla media europea pari a 1,54.

E’ quanto emerge dal focus “Le carriere femminili in ambito accademico” del servizio statistico del ministero dell’Università e della Ricerca che ha pubblicato i dati oggi, in occasione della giornata internazionale della donna. Il Mur sottolinea che c’è anche un altro dato positivo ed è quello che riguarda i dottorati di ricerca. Sebbene siano ancora poche le studentesse che scelgono le ”scienze dure”, rispetto alla media europea, l’Italia ha risultati migliori sia per la percentuale di donne che conseguono il titolo di dottore di ricerca (51% rispetto a una media europea del 48%), sia per la percentuale di afferenza di donne ai settori tecnico-scientifici delle aree Stem (43%, 2 punti percentuali in più rispetto all’anno precedente e sopra la media europea del 38%).

La quota di dottoresse di ricerca, in percentuale totale e nelle aree Stem, nel nostro Paese risulta superiore anche a quelle di alcuni Paesi europei come Regno Unito (rispettivamente, 48% e 40%), Francia (rispettivamente, 44% e 36%) e Germania (rispettivamente, 45% e 33%). Segnale incoraggiante arriva, poi, dai dati, anche se non ancora definitivi, delle immatricolazioni nell’anno accademico 2021-22: sul totale di coloro che hanno scelto di frequentare un corso di laurea in discipline Stem le donne rappresentano il 39,5%, il valore più alto dal 2012-2013, in leggero aumento rispetto all’anno precedente (39,3 per cento) e all’anno accademico 2019-2020 (38,5 per cento), rileva il Mur.

Nel focus sono evidenziate anche diverse criticità che hanno lontane e profonde radici. Il rapporto descrive, tra l’altro, come nel sistema universitario italiano siano ancora evidenti alcuni divari di genere (nel 2020 il 78% dei corsi dell’area ”Humanities and the Arts” è a prevalenza femminile e il 73% dei corsi dell’area ”Engineering and technology” è a prevalenza maschile) e sottolinea come nel passaggio dalla formazione universitaria alla carriera accademica la presenza femminile diminuisca al progredire della scala gerarchica: nel 2020 la percentuale di donne si attesta al 48,5% tra i titolari di assegni di ricerca, al 46,4% tra i ricercatori universitari, al 40,4% tra i professori associati e al 25,4% tra i professori ordinari.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it