Connect with us

Hi, what are you looking for?

Rassegna

“Dai giornali”, press review 19 aprile 2022

Cincinnato. Draghi annuncia il ritiro dalla politica ma sa benissimo che, dopo le elezioni, la deflagrazione del quadro politico nazionale ha un unico sbocco: un nuovo governo Draghi (Macioce sul Gn);

Tra le righe. I leader dei partiti di maggioranza (tranne Letta) hanno poco da festeggiare leggendo l’intervista a Draghi: ha sì annunciato il ritiro dalla politica, ribadito la fase eccezionale in cui ci troviamo e l’augurio di tornare presto al primato dei partiti ma ha anche detto che deve portare a termine il mandato affidatogli da Mattarella e completare le riforme (Delgado sul Dub);

Rassegnatevi. Giorgia Meloni vuole uno schema bipolare classico con due poli concorrenti che si legittimano a vicenda. Salvini e Berlusconi, invece, sguazzano bene nel quadro attuale e vogliono replicarlo anche dopo le elezioni pur di bloccare l’ascesa di FdI. Si devono però rassegnare perchè Enrico Letta la pensa come Meloni (Giuli su Lib);

Tutti bravi. Tanti col ditino alzato ad accusare Draghi di andare con il cappello in mano a chiedere gas e petrolio a Paesi non meno democratici della Russia ma c’è una piccola differenza: Egitto e Algeria non hanno invaso un Paese europeo (Gambardella sul Fg);

Oltre. Il pacifismo da sempre è usato come arma per delegittimare il nemico (il PCI era attentissimo nel mostrare le guerre degli Usa ma distratto su quelle dell’Unione Sovietica). In Italia, però, abbiamo fatto un passaggio ulteriore: il pacifismo da propaganda è diventato caricatura. I «pacifisti», infatti, chiedono agli ucraini di arrendersi ma ce ne fosse uno che chiede a Putin di ritirarsi (Desiderio sul Cds);

Disinformatija vs realtà. Il vicepresidente russo Medvedev fa terrorismo psicologico prefigurando le dieci piaghe d’Egitto per gli europei (fame, criminalità, collasso economico, iper inflazione, etc…) ma invece di preoccuparsi per noi dovrebbe occuparsi della Russia: 1) perdita di due milioni di posti di lavoro nel 2022; 2) senza il sostegno tecnologico europeo le industrie russe dovranno regredire a modelli produttivi preistorici; 3) 70mila professionisti dell’high tech hanno lasciato il Paese. Per inciso: senza professionisti specializzati e senza le componenti di tecnologia avanzata, i russi non possono nemmeno vendere il loro petrolio (Bosco sul Fg).

 

di Giuseppe Licinio

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it