Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Opere legate al PNRR? “Se non si snellisce la burocrazia tutto è a rischio”

Il Governo “si impegni a snellire” la burocrazia o è a rischio “la scadenza del 2026” delle opere legate al Pnrr. E, di conseguenza, l’intero investimento. A mettere in guardia è il presidente Ucid ed ex ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, questa mattina a Bologna (Ph. DIRE) per presentare la due-giorni di incontri proprio sul tema del Pnrr e dello sviluppo sostenibile, nella biblioteca di San Domenico.

“Il Pnrr segnerà i prossimi anni, è un discrimine forte -avverte Galletti- se perdiamo questa occasione, siamo destinati alla crescita zero. Non possiamo permetterci di sbagliare”.

Quindi, insiste l’ex ministro, “dobbiamo spendere le risorse nel modo migliore possibile. Ma il Paese non è attrezzato per spendere tanto in tempi brevi, pensiamo ai ritardi sui fondi europei”. Per questo, manda a dire Galletti, “bisogna rivedere i meccanismi di spesa. Le idee nei Comuni ci sono, ma occorre superare gli ostacoli burocratici. Il Governo si impegni a snellire le procedure di spesa o con l’architettura attuale difficilmente coglieremo la scadenza del 2026”.

C’è però il timore di infiltrazioni mafiose, come manifestato anche oggi dal procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato. “La preoccupazione c’è- condivide Galletti- bisogna tenere alta la guardia, è un tema molto sensibile. Il vero nemico della sburocratizzazione è la mancanza di controllo. Quando parlo di semplificare, non dico di fare ‘tana libera tutti’. Serve un equilibrio, un sistema fatto di pesi e contrappesi. Il modello Genova, ad esempio, ha funzionato bene. E alcune cose si possono fare anche nell’immediato”. Anche su una revisione delle priorità del Pnrr “va fatta una riflessione – aggiunge Galletti- certo, se si può spendere meglio le risorse per opere che affrontino il tema dell’economia di guerra, ben venga. Ma il punto adesso non è identificare gli interventi: è realizzarli”.

Proprio il Pnrr sarà al centro della seconda edizione della rassegna ‘Economia Pulita’, in programma giovedì 12 e venerdì 13 maggio in San Domenico a Bologna. L’obiettivo dell’iniziativa, coordinata da Francesco Montanari, è “favorire l’incontro e il confronto tra i rappresentanti delle Istituzioni, esperti e docenti universitarie, manager di imprese e gruppi industriali sul ruolo specifico di ognuno nelle diverse mission del Pnrr”.

Nelle varie sessioni, sono previsti focus specifici sulle varie tematiche di investimento del Recovery plan: lavoro, energia, digitale e agricoltura. A parlarne, tra gli altri, è stato chiamato anche il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Il Pnrr deve aiutare tutti, non solo qualcuno, in particolare i giovani e chi è in difficoltà- sostiene ancora Galletti- deve servire per rimuovere le disuguaglianze”. Inoltre, sottolinea l’ex ministro, “siamo in un’economia di guerra e la sostenibilità è la risposta, non è in antitesi”.

Ad esempio sull’energia “soffriamo maggiormente e le rinnovabili sono la risposta. Così come l’economia circolare è un’ottima risposta alla carenza di materie prime”. Una sessione sarà dedicata anche ai trasporti. Grazie anche ai fondi del Pnrr, sottolinea Alessandro Tullio, amministratore delegato di Trenitalia-Tper, con i prossimi investimenti arriveranno in regione altri 12 treni elettrici. “Sugli attuali 890 treni movimentati al giorno, 146 sono diesel- sottolinea- fra tre anni ne resteranno solo quattro. E’ una svolta epocale”. In più, ricorda Tullio, “triplicheremo i pannelli fotovoltaici” sopra lo stabilimento di via del Lazzaretto e “avremo un impianto per il recupero di 10.000 metri cubi d’acqua all’anno”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it