Connect with us

Hi, what are you looking for?

Rassegna

“Dai giornali”, press review 20 luglio 2022

Cinque giorni. Cosa è successo in questi 5 giorni: 1) la mobilitazione generale ha dimostrato che pure il Paese reale vuole la maggioranza di unità nazionale; 2) chi ha voluto la crisi si sta liquefacendo numericamente; 3) nessun partito, tranne Fratelli d’Italia, vuole lasciare le impronte sulle elezioni anticipate (Polito sul Cds);

Radio Quirinale. Ieri con Mattarella Draghi si è mostrato meno irremovibile e rigido rispetto ad una settimana fa ma il problema adesso è il centrodestra che già pensava ad un minirimpasto e a nuove prebende ponendo veti e ultimatum. Morale: Draghi è disposto a fare un passo indietro e a rimanere ma se i partiti rompono i cojoni si va a votare il 2 ottobre. Il decreto di scioglimento è già pronto (Breda sul Cds);

Il vero problema è il centrodestra (1). Conte, sapendo che Berlusconi e Salvini non accettano più una maggioranza con i 5s, medita tatticamente di votare la fiducia. Inoltre i due leader si sono presentati a Palazzo Chigi con una serie di richieste da far impallidire i 9 punti di Conte (Verderami sul Cds);

Il vero problema è il centrodestra (2). Difficile che il governo vada avanti se Salvini dovesse rilanciare in Aula il repertorio che usa nei comizi: veti, richieste di rimpasto, licenziamento di Lamorgese e Speranza, scostamenti di bilancio da decine di miliardi. Draghi non ne accetterà nemmeno uno: non deve passare l’idea che il governo si può terremotare con le richieste di una parte politica (Cappellini su Rep);

Lega. Il Salvini pensiero è che con i 5s fuori dal governo e la Lega primo partito, sia giusto chiedere più ministeri ma, alla riunione di vertice, Zaia lo fulmina: «Non dobbiamo ripetere gli errori commessi nella partita con il Quirinale». I governatori e i ministri leghisti chiedono appoggio incondizionato a Draghi senza se e senza ma (Zapperi sul Cds);

Pd. Letta ha chiesto a Draghi di non essere troppo duro nei confronti di Conte perché lo metterebbe a rischio con l’ala sinistra del Pd che vuole l’alleanza coi 5s. È l’ultima carta che gli rimane per mascherare la disfatta del campo largo (Folli su Rep);

Gas. Oggi la Commissione Ue proporrà un regolamento per una riduzione obbligatoria complessiva del consumo di gas dal prossimo 1° agosto al 31 marzo 2023. Un sistema che prevede solidarietà per aiutare i Paesi più esposti (Basso sul Cds).

 

di Giuseppe Licinio

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

In evidenza

Gentile signor Pres. Conte, mentre La ringrazio per la Sua umanità e le parole non retoriche, che pronuncia parlando alla gente, desidero farle qualche...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it