Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Caso La Russa: il presidente del Senato si scusa, ma forse rimane inadeguato a rivestire la 2ª carica dello Stato

Il giudizio e le reazioni della politica e della società civile sono unanimi 

Le scuse pronunciate dalla seconda carica dello Stato non bastano a placare la polemica. “Deve dimettersi”, intima l’Anpi che decide di non mandare l’invito per parlare sul palco a Ignazio La Russa (stesso ‘trattamento’ per il presidente della Camera, il leghista Lorenzo Fontana) in occasione delle celebrazioni del 25 Aprileche si svolgeranno a Milano.

Resta dunque al centro del ciclone il presidente del Senato, dopo le frasi pronunciate ieri sui fatti di via Rasella. “Via Rasella e’ stata una pagina tutt’altro che nobile della Resistenza, quelli uccisi furono una banda musicale di semi pensionati e non biechi nazisti delle SS”, sono state le parole ‘incriminate’. Oggi La Russa corregge il tiro, ma non nasconde l’irritazione per la polemica: “Tutti si attaccano a una parola, la mistificano, fanno gli indignati, parte uno e tutti pronti con il trenino di dichiarazioni dietro, come i bambini alle elementari… Io non ho mai detto ‘atto ignobile’ su via Rasella. Ci furono anche processi, ci sono studi su quell’azione, ma appunto basta, non mi va di parlare piu’ di queste cose. Perche’ la verita’ e’ che le opposizioni montano casi sul nulla”, afferma in un colloquio con il Corsera. “Forse avrei potuto specificare meglio che si trattava effettivamente di nazisti, quello si’, ma mi pareva una cosa ovvia. Pero’ in effetti potevo essere piu’ preciso su quello”. E ancora: “Se avessi voluto su via Rasella avrei detto ben altro…”. Per La Russa “ce ne sono stati di ben piu’ gloriosi di atti della Resistenza, come il sacrificio di Salvo D’Acquisto” mentre a via Rasella non ci fu “uno scontro a fuoco faccia a faccia con i nazisti: si trattava di un battaglione che tornava in caserma colpito con una bomba, e morirono anche due passanti innocenti, italiani… Eppure mica le ho dette queste cose, proprio perche’ non volevo si creassero problemi, volevo chiuderli”. Apriti cielo: “Mi pare davvero che la seconda carica dello Stato si stia rivelando inadeguata a quell’incarico”, tuona il presidente del Partito Democratico e della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Piu’ che una gaffe ormai stanno diventando delle vere e proprie ammissioni di confusione e revisionismo storico che non aiutano e non sono nemmeno giuste”, aggiunge. Durissimo il leader M5s, Giuseppe Conte: “Il presidente del Senato spesso si lascia andare a dei revisionismi raffazzonati”. Per l’ex premier “queste boutade non sono accettabili da chi riveste il ruolo di seconda carica del stato. Chiedere le dimissioni a ogni uscita di La Russa… Si sarebbe gia’ dovuto dimettere tante volte. Confidiamo che prosegua nel suo incarico con maggiore responsabilità”.

Che le parole di La Russa su via Rasella “arrivino da un rappresentante delle istituzioni e’ ancora piu’ grave. Dovrebbe dimettersi”, dice senza mezzi termini Edith Bruck, scrittrice sopravvissuta alla Shoah. “Capisco che quando il governo e’ in difficolta’ per cio’ che ha promesso e non riesce a realizzare, e quando la destra deve nascondere i suoi continui flop, va bene la distrazione di massa grazie alle esternazioni del Presidente del Senato. Ma le parole di La Russa sono davvero degne della peggior paccottiglia revisionista fascista ed e’ evidente che e’ incompatibile con la carica che ricopre, perche’ le sue parole gettano vergogna sulle Istituzioni repubblicane”, attacca il segretario nazionale di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni. E’ a questo punto che il presidente del Senato torna a parlare, per scusarsi: “Ho sbagliato a non sottolineare che i tedeschi uccisi in via Rasella fossero soldati nazisti, ma credevo che fosse ovvio e scontato oltre che notorio. Non so poi se effettivamente e’ errata la notizia, piu’ volte pubblicata e da me presa per buona, che i riservisti altoatesini inquadrati nella polizia tedesca facessero anche parte della banda militare del corpo”, dice La Russa. “Fatte salve le persone che hanno commentato pretestuosamente e in prevenuta malafede, voglio invece scusarmi con chi anche in forza di resoconti imprecisi abbia comunque trovato motivi di sentirsi offeso”, aggiunge. Per poi concludere: “Quel che e’ certo, e’ che proprio per evitare polemiche mi sono volutamente astenuto nel dire che sull’azione partigiana di via Rasella molti, anche di sinistra, sono stati assai critici. Mi sono limitato a dire: ‘non e’ stata una delle pagine piu’ gloriose della Resistenza partigiana’”. Scuse che, pero’, sortiscono l’effetto opposto e anzi contribuiscono a rinfocolare ulteriormente la polemica: “Ignazio La Russa dovrebbe avere lui la coscienza delle dimissioni da presidente del Senato dopo le sue parole su Via Rasella perche’ e’ palesemente inadeguato al ruolo che ricopre”, sentenzia il presidente dell’Anpi Gianfranco Pagliarulo. “Non bastano le scuse. La Russa non può riscrivere La storia negando l’antifascismo, afferma la segretaria del Pd Elly Schlein, secondo cui “governo e maggioranza ogni giorno dicono un’enormità e lo fanno per non rispondere a due domande: qual e’ lo stato di attuazione del Pnrr? Qual è la verità sulla strage di Cutro?”. Conclude la leader dem: “In questa maggioranza c’e’ un problema a pronunciare la parola ‘antifascista’. Per noi non e’ un problema”. Per la capogruppo di Avs alla Camera, Luana Zanella, “piu’ che scuse le parole di Ignazio La Russa suonano come una conferma del suo tentativo di erodere credibilità e legittimazione alla lotta partigiana. A noi anzi sembrano proprio una conferma della sua strisciante volonta’ di riscrivere La storia”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it