Connect with us

Hi, what are you looking for?

++++

Meloni a Varsavia, ‘asse’ su migranti e voto Ue

licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT

Piena sintonia sul sostegno all’Ucraina, sulla difesa europea, sui rapporti transatlantici. Nessuna divergenza sulla delicata gestione politica del Patto per le migrazioni e l’asilo. E totale fiducia sull’esito delle prossime elezioni europee e sul ruolo che avranno i conservatori. Cosi’ la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha riaffermato l”asse’ con Varsavia e con il premier, Mateusz Morawiecki. “La Polonia e’ l’unica nazione europea che ho visitato due volte dall’inizio del mio mandato e credo che questo basti a raccontare il tenore il valore e la profondità delle nostre relazioni bilaterali”, ha spiegato la premier in un punto stampa al termine del bilaterale. Morawiecki l’ha accolta – con un mazzo di fiori – al Palazzo sull’Acqua, nel Parco Lazienki. Un incontro amichevole, quasi informale, durato un’ora e terminato con una passeggiata in mezzo al verde. “Sembra Villa Pamphilj”, ha detto la titolare di Chigi commentando la bellezza del luogo. “E’ uno dei parchi più sicuri d’Europa”, ha rivendicato il premier durante il punto stampa.

L’elemento sicurezza a cui più volte è ricorso per giustificare la propria contrarietà al Patto per le migrazioni e l’asilo. Una opposizione che però non intacca il rapporto tra i due alleati. Morawiecki ha confermato l’indizione un referendum – probabilmente il giorno delle elezioni legislative, in autunno – per fare pronunciare i polacchi sull’obbligo europeo di solidarietà (che sia tramite ricollocamento o compensazione finanziaria). Non è questione solo di migrazioni o sicurezza, ma anche di sovranità. “Si tratta di scegliere se è lo Stato sovrano che puo’ decidere chi accogliere e chi no oppure e’ la Commissione europea, sovranazionale, che lo può obbligare”, ha spiegato il leader del Pis. “Non mi potrei mai lamentare di qualcuno che difende con efficacia i propri interessi nazionali perchè è quello che ritengo di dover fare io per la mia nazione. Sono ammirata da come Mateusz Morawiecki dimostri forza nel difendere gli interessi della Polonia ma sia chiaro che non c’e’ tra noi divisione su questo perchè lavoriamo sullo stesso obiettivo fondamentale che non è discutere su come gestire la migrazione illegale in Europa ma è discutere su come fermarla e continueremo a fare questo lavoro”, ha evidenziato Meloni. Linea sposata anche dal suo omologo: “C’e’ chi vorrebbe vedere una frattura tra Italia e Polonia ma non è cosi’. Quello che ci unisce e’ la ricetta migliore per contrastare la migrazione illegale e rendere le frontiere esterne impenetrabili”, ha spiegato.

 I due hanno partecipato insieme all’evento organizzato dal gruppo dell’Ecr, il partito dei conservatori europei presieduto da Meloni e di cui il Pis di Morawiecki è parte integrante. La premier italiana ne ha approfittato per lanciare un convinto endorsement in vista del voto in Polonia. “Per noi è fondamentale che il Pis e Mateusz e i nostri amici conservatori continuino a governare questa nazione. E’ fondamentale non solo per noi come famiglia politica, e’ fondamentale per l’Europa, per quello che loro hanno dimostrato, per quello che questo governo ha dimostrato. Per quello che la Polonia ha dimostrato a fronte dell’aggressione russa nei confronti dell’Ucraina e io credo che l’Europa debba ringraziare la Polonia per quello che ha fatto in questi mesi, per quello che ha fatto a 360 gradi, per quello che ha fatto in termini di rifugiati. Credo che lo debba fare anche riconoscendo concretamente con maggiore attenzione quel lavoro”, ha esortato. Cosi’ come ha auspicato l’affermazione per “gli amici di Vox” perchè “la loro campagna elettorale ricorda quella di Fratelli d’Italia”.

Superati i due appuntamenti nazionali, arriveranno le europee di giugno 2024. Meloni garantisce che i conservatori “comunque vada saranno determinanti”. “Noi oggi possiamo contagiare molte altre persone con la forza di quello che stiamo dimostrando, con la forza della serieta’ delle nostre idee. Dobbiamo essere aperti, dobbiamo collaborare, avvicinare tutti i partiti che sono compatibili con la nostra visione, con la nostra idea d’Europa ma dobbiamo lavorare soprattutto per rafforzare la nostra famiglia. Comunque vada i conservatori dovranno essere determinanti con le prossime elezioni europee e vi garantisco che anche personalmente sono concentrata su questo obiettivo perchè le sfide che l’Europa ha di fronte sono sfide che non possono attendere, che hanno bisogno dell’approccio pragmatico dei conservatori a 360 gradi”, ha assicurato la presidente dell’Ecr, respingendo le alchimie di analisti e commentatori sull’eventuale composizione di una nuova maggioranza all’emiciclo a Strasburgo. Un pragmatismo conservatore che si contrappone “all’utopia della sinistra” e all’ideologia degli “ultra-ambientalisti che stanno accelerando per l’approvazione di alcuni provvedimenti perche’ temono che dopo il voto non lo potranno più fare”.

I due hanno partecipato insieme all’evento organizzato dal gruppo dell’Ecr, il partito dei conservatori europei presieduto da Meloni e di cui il Pis di Morawiecki è parte integrante. La premier italiana ne ha approfittato per lanciare un convinto endorsement in vista del voto in Polonia. “Per noi è fondamentale che il Pis e Mateusz e i nostri amici conservatori continuino a governare questa nazione. E’ fondamentale non solo per noi come famiglia politica, e’ fondamentale per l’Europa, per quello che loro hanno dimostrato, per quello che questo governo ha dimostrato. Per quello che la Polonia ha dimostrato a fronte dell’aggressione russa nei confronti dell’Ucraina e io credo che l’Europa debba ringraziare la Polonia per quello che ha fatto in questi mesi, per quello che ha fatto a 360 gradi, per quello che ha fatto in termini di rifugiati. Credo che lo debba fare anche riconoscendo concretamente con maggiore attenzione quel lavoro”, ha esortato.

Cosi’ come ha auspicato l’affermazione per “gli amici di Vox” perche’ “la loro campagna elettorale ricorda quella di Fratelli d’Italia”. Superati i due appuntamenti nazionali, arriveranno le europee di giugno 2024. Meloni garantisce che i conservatori “comunque vada saranno determinanti”. “Noi oggi possiamo contagiare molte altre persone con la forza di quello che stiamo dimostrando, con la forza della serietà delle nostre idee. Dobbiamo essere aperti, dobbiamo collaborare, avvicinare tutti i partiti che sono compatibili con la nostra visione, con la nostra idea d’Europa ma dobbiamo lavorare soprattutto per rafforzare la nostra famiglia. Comunque vada i conservatori dovranno essere determinanti con le prossime elezioni europee e vi garantisco che anche personalmente sono concentrata su questo obiettivo perchè le sfide che l’Europa ha di fronte sono sfide che non possono attendere, che hanno bisogno dell’approccio pragmatico dei conservatori a 360 gradi”, ha assicurato la presidente dell’Ecr, respingendo le alchimie di analisti e commentatori sull’eventuale composizione di una nuova maggioranza all’emiciclo a Strasburgo. Un pragmatismo conservatore che si contrappone “all’utopia della sinistra” e all’ideologia degli “ultra-ambientalisti che stanno accelerando per l’approvazione di alcuni provvedimenti perchè temono che dopo il voto non lo potranno più fare”.

di Brahim Maarad, AGI

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it