Connect with us

Hi, what are you looking for?

Esteri

Nato, Erdogan dà il via libera all’ingresso della Svezia in Ue

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dato il via libera all’ingresso della Svezia nella Nato e in cambio Stoccolma sosterrà il rafforzamento del processo di adesione di Ankara all’Ue. Lo ha reso noto la Nato, attraverso il suo segretario generale, Jens Stoltenberg, a poche ore dall’inizio del delicato vertice dell’Alleanza a Vilnius: il viatico per un vertice che punta a dare un’immagine di unita’ di fronte all’aggressione della Russia all’Ucraina ma sul quale pesano le divergenze sulla tempistica per la richiesta di adesione di Kiev e le tensioni innescate dalla decisione dell’amministrazione Biden di fornire le bombe a grappolo all’Ucraina.

Il semaforo verde è arrivato dopo un ultimo disperato incontro di piu’ di due ore, tra il presidente turco, il premier svedese Ulf Kristersson e Stoltenberg; incontro interrotto per il faccia a faccia tra Erdogan e il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel. Perche’ Erdogan ha collegato il suo sostegno all’adesione della Svezia alla ripresa del processo di ingresso della Turchia dell’Ue. Si chiude cosi’ la pagina su una querelle innescata da oltre un anno di veto di Ankara. Il Parlamento turco adesso dovrà approvare l’ingresso della Svezia nell’Alleanza, un passo considerato fondamentale per rafforzare il fianco orientale dell’Europa.

Il protocollo per la ratifica dell’ingresso della Svezia sarà sottoposto al Parlamento turco “in tempi brevi”, hanno fatto sapere fonti turche; e passa anche per “il rinvigorimento” del processo di adesione di Ankara all’Ue; adesione per la quale la nuova intesa prevede ‘un sostegno attivo’ da parte di Stoccolma. La Svezia infatti non solo sosterrà l’ingresso di Ankara nell’Ue, ma si è impegnata anche rispetto all’allargamento alla Turchia dell’Unione doganale e alla liberalizzazione dei visti. E il governo di Stoccolma ha fatto diverse concessioni nel suo corteggiamento ad Ankara: ha dato ampie garanzie sul fatto che non sarà garantita alcuna forma di sostegno ai separatisti curdi del Pkk e Ypg, dei quali Ankara esige l’estradizione, ma anche a eliminare qualsiasi tipo di ostacolo commerciale o sanzione nei confronti della Turchia. Ankara aveva finora bloccato l’adesione della Svezia alla Nato, ritenendo che il Paese scandinavo avesse una posizione troppo lassa nei confronti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, il gruppo di guerriglieri Pkk che nel 1984 iniziò una lotta armata contro lo Stato turco ed è considerato un gruppo terroristico da Turchia, Svezia, Unione Europea e Stati Uniti.

Stoltenberg ha aggiunto che la Nato nominerà il suo primo “coordinatore speciale per l’antiterrorismo”, e anche questa era una richiesta del governo turco. Sull’onda delle pressioni turche, la Svezia ha riformato la propria legislazione antiterrorismo e ha reso un reato penale semplicemente appartenere o sostenere, finanziariamente o in altro modo l’organizzazione terroristica. Nell’ultima settimana la tensione era tornata alle stelle per il rogo del Corano, bruciato dinanzi alla maggiore moschea di Stoccolma. Ma il riavvicinamento all’Ue ha evidentemente appagato Erdogan. Di piu’ non si sa. “Questo non e’ un problema della Nato, ma dell’Ue”, ha detto Stoltenberg, quando gli e’ stato chiesto di eventuali altri impegni presi dall’Ue per incoraggiare Erdogan. “Buone notizie da Vilnius”, si e’ limitato a esultare il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, dopo l’annuncio.

L’apertura di Ankara potrebbe anche essere collegata ai segnali dell’amministrazione Biden che e’ pronta a sbloccare l’accordo per la fornitura alla Turchia degli aerei da combattimento F-16 fabbricati negli Stati Uniti, un ‘via libera’ finora ritardato nel timore, da parte di Washington, che la sofisticata tecnologia radar dei caccia possa finire nelle mani russe. Oggi, a margine del vertice a Vilnius, Biden vedra’ Erdogan e ha gia’ detto che e’ pronto a lavorare con lui “per migliorare la difesa e la deterrenza nell’area euro-atlantica”. Quanto all’Ungheria, che non ha ancora ratificato l’ingresso della Svezia, Stoltenberg ha ricordato che Budapest ha assicurato in passato che non sarebbe stato l’ultimo Paese a dare il via libera. E’ possibile dunque che il governo ungherese sia pronto a seguire l’esempio di Ankara, il che vuol dire che la Svezia potrebbe aderire alla Nato nel giro di poche settimane (AGI).

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it