Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Sul Pnrr si va avanti, ma non mancano i problemi

Sul Pnrr il confronto va avanti, tra timori e critiche. I Comuni temono la liquidità. La Cgil attacca, tagli pesano al Sud

Il ministro responsabile del piano, Raffaele Fitto, rivendica il successo del metodo ‘cabina di regia’ con sindacati e imprese per fare il punto sullo stato di attuazione del piano e delle prossime scadenze. Ma la revisione continua a far discutere, con critiche severe, soprattutto per il taglio degli obiettivi del semestre in corso legati alla quinta rata. I comuni lamentano difficoltà nella liquidità. I costruttori criticano la scelta di rimandare o togliere interi capitoli.

La Cgil va giù dura e dice che “si accumulano ritardi, si penalizza Meridione e si mette a rischio transizione energetica e crescita economica”. Anche il Pd rilancia le critiche che i Comuni hanno già sollevato ieri durante la cabina di regia con il governo: il timore è di perdere non solo i fondi dei progetti Pnrr ma di vedersi sfilare anche una parte dei fondi di coesione perché andranno a coprire le opere uscite dal budget Pnrr. Secondo quanto si apprende, durante la riunione l’Anci avrebbe sollevato con il governo le criticità che i Comuni stanno registrando sulla liquidità di cassa. Per questo hanno chiesto di anticipare il 30% dell’importo complessivo finanziato, per soddisfare le richieste delle imprese che si sono aggiudicate le opere. E’ una possibilità prevista dalle regole, che però finora le amministrazioni centrali non avrebbero voluto attuare. I Comuni vorrebbero che il governo rendesse automatico l’anticipo del 30%, rendendolo operativo con una norma ad hoc nel dl Pnrr a cui sta lavorando.

Inoltre, l’Anci ha chiesto che vengano messe nero su bianco le fonti di finanziamento alternative per i progetti definanziati dalla revisione. E preme perché non si utilizzi la quota regionale dei fondi di coesione, ma soltanto la parte statale. La Cgil critica conti alla mano. Dice il segretario confederale della Cgil Christian Ferrari al termine del confronto: “le misure che potrebbero non rispettare le tempistiche prefissate, e sono quindi a rischio fallimento risultano essere (anche dopo l’invio della proposta di revisione alla Commissione Ue) ancora 78, con una dimensione finanziaria una dimensione finanziaria di oltre 83 miliardi, di cui 39 (il 47% circa) nel Sud Italia”. il responsabile Pnrr e Riforme del Pd, il senatore Alessandro Alfieri, parla di “nuovo scippo”, un taglio “da 14 miliardi a danno degli enti locali “che in molti casi hanno già avviato i cantieri per opere di rigenerazione urbana o di contrasto al dissesto idrogeologico”. Anche l’Ance è contrario ad un “metodo trasversale” di revisione dei progetti.

“Siamo d’accordo a guardare ai singoli progetti, e definanziare cose che non hanno le tempistiche adatte, mentre non ci piace molto il metodo trasversale cioè prendere interi gruppi di opere e semplicemente toglierli. Su questo abbiamo ricevuto assicurazioni”, ha detto il vicepresidente dell’Ance, Piero Petrucco, dopo la riunione con Fitto. La presidente del Consiglio nazionale dei giovani (Cng), Maria Cristina Pisani, ha acceso un faro su un’altra discrepanza tra promesse e risultati: ha denunciato che in 7 appalti su 10 del Pnrr non è stata rispettata la clausola di assunzione dei giovani, nel 40% dei casi senza specificare il motivo della mancata applicazione della norma. il Cng chiede sgravi fiscali maggiori o bonus rafforzati riservati agli under 36. Propone inoltre di ricollocare i 358 milioni di euro non impiegati a favore dell’imprenditorialità giovanile, ampliando la tipologia dalla sola vocazione turistica, anche a quella creativa e culturale. Agli incontri di oggi hanno preso parte circa trenta organizzazioni, tra cui Confindustria, Ance, Confedilizia, Abi e Ania. Presenti tra gli altri i sindacati Cgil, Cisl, Uil e i rappresentanti dei commercianti come Confcommercio, Confesercenti, Federdistribuzione e Conflavoro (di C. De Felice e C.Munafò, ANSA).

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it