Connect with us

Hi, what are you looking for?

CULTURA

Progetto educativo Miur, il ministro Valditara sceglie Anna Paola Concia ed è subito polemica

Educare alle relazioni è un progetto sperimentale ed innovativo introdotto dal Ministero dell’Istruzione e del Merito che mira a promuovere la formazione affettiva e relazionale delle nuove generazioni attraverso una formazione specifica rivolta agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, al fine di contrastare la violenza di genere e favorire il rispetto dell’altro

La scelta di Anna Paola Concia, attivista lgbt ed ex deputata del Pd, per il progetto ‘Educare alle relazioni’ promosso dal ministero dell’Istruzione e del merito, ha provocato sorpresa e resistenze anche nella maggioranza di centro destra e fra organizzazioni che promuovono una visione tradizionale della famiglia. Eppure la scelta del ministro Giuseppe Valditara di nominare tre donne diverse ma pronte a collaborare come suor Anna Monia Alfieri, Paola Zerman e la stessa Concia, era partita con una dichiarazione comune di buona volontà delle tre prescelte. “Abbiamo accettato di metterci al servizio di un progetto equilibrato, serio e utile per le ragazze e i ragazzi, basato sul dialogo. A partire da noi tre, tre donne così diverse”, hanno detto all’ANSA.

A prendere le distanze però è anche la Lega, partito che ha espresso il ministro. “Non c’è bisogno di nomi o soluzioni divisive per educare alle relazioni, soprattutto se rischiano di alimentare polemiche”, ha detto Simona Baldassarre, responsabile del dipartimento famiglia. “Per educare gli alunni – ha aggiunto l’esponente della Lega – ci sono un ministero efficiente e ben guidato, straordinari insegnanti e soprattutto le famiglie”. Una presa di distanze era gia arrivata da Fratelli Italia: “Anna Paola Concia è una bravissima persona, ma non vedo perché debba essere lei a occuparsi di questo progetto. Su questo non sono d’accordo con l’amico leghista Valditara”, ha commentato Maddalena Morgante, responsabile nazionale del dipartimento Famiglia e valori non negoziabili. Mentre l’associazione Pro vita e famiglia ha annunciato subito, con il portavoce Jacopo Coghe, “una petizione popolare rivolta al ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, nominato in quota Lega, che in poche ore ha già raccolto migliaia di firme di elettori costernati”.

“Porteremo avanti questa battaglia senza cedere ad alcun compromesso, pronti a tirare le somme – avverte Coghe – alle prossime elezioni europee”. Anche Carlo Giovanardi lamenta che fra un’attivista Lgbt sposata con un’altra donna, una suora e un avvvocato dello stato “la “grande assente nel progetto” è “proprio la famiglia, quella società naturale fondata sul matrimonio, tra uomo e donna, scolpita nell’articolo 29 della Costituzione”. Di segno opposto la critica della responsabile libertà e diritti di Sinistra italiana, Marilena Grassadonia, che mette sotto accusa la scelta di una religiosa. “Ricordo sommessamente a Valditara che l’Italia è un paese laico e che chiamare una suora a gestire l’educazione alle relazioni nelle scuole stride e non poco”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it