Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Quarant’anni fa l’omicidio di Pippo Fava, il giornalista che aveva denunciato la connivenza tra potere politico e mafia

Nell’ultima intervista televisiva a Enzo Biagi il 28 dicembre 1983 Pippo Fava aveva denunciato ancora una volta la connivenza tra potere politico e mafia: “I mafiosi stanno in Parlamento, i mafiosi a volte sono ministri, i mafiosi sono banchieri, i mafiosi sono quelli che in questo momento sono ai vertici della nazione. Tutto parte dall’assenza dello Stato e dal fallimento della società politica italiana e forse anche della nostra democrazia”. Una settimana dopo Pippo Fava venne ucciso.

La sera del 5 gennaio 1984, 40 anni fa, vicino al teatro stabile di Catania, fu abbattuto con cinque colpi di pistola alla testa: la voce più scomoda dell’informazione siciliana aveva appena lasciato la redazione della rivista I Siciliani, che aveva fondato e diretto. Aveva 59 anni. Fava rivendicava di essere mosso da una visione alta del proprio ruolo: “Ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che, in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale.

Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza della criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, tiene continuamente in allerta le forze dell’ordine, sollecita la costante attenzione della giustizia, impone ai politici il buon governo”. Non solo giornalista di forte impegno civile, Fava era anche scrittore, saggista, drammaturgo. Una delle sue opere più note, “La violenza: quinto potere”, era stata portata sullo schermo da Florestano Vancini.

Nel 1976 Luigi Zampa aveva tratto un film dal suo romanzo “Gente di rispetto”. Fino al 1980 era stato redattore capo di Espresso Sera e firma di varie testate tra cui i settimanali Tempo e Domenica del Corriere. Quindi aveva assunto la direzione del Giornale del Sud per il quale aveva formato una redazione di giovani cronisti che, dopo il licenziamento di Fava seguito dalla chiusura della testata, lo hanno seguito nell’esperienza de I Siciliani contribuendo a scrivere una pagina importante di giornalismo di inchiesta e di denuncia.

In questa fase della sua vita professionale Fava aveva affrontato temi come le collusioni tra Stato e mafia, il potere criminale della cosca di Nitto Santapaola, gli interessi dei comitati d’affari di Catania, il ruolo dei cavalieri del lavoro. Malgrado qualche voce avesse cercato di sostenere ipotesi riduttive sul movente del delitto, quelle storie sono diventate temi fondamentali del processo che si è dovuto confrontare anche con operazioni di depistaggio a opera di falsi pentiti. E solo dopo avere sventato vari tentativi di inquinare la verità, il giudizio si è concluso con la condanna all’ergastolo dei boss Nitto Santapaola e Aldo Ercolano, esponenti della cosca mafiosa che Fava aveva indicato come il centro di un complesso sistema nel quale si incontravano mafia e poteri politici ed economici.

Venerdì il giornalista e scrittore sarà ricordato a Catania in via Fava, davanti alla lapide dove alle 17 si concentrerà il corteo proveniente da via Roma. Alle 18 al Centro culture contemporanee Zo, in piazzale Rocco Chinnici, si terrà il dibattito, moderato da Luisa Santangelo, “Fare (non solo) memoria”, al quale interverranno Sebastiano Ardita, Pierangelo Buttafuoco, Claudio Fava, Michele Gambino, Francesco La Licata. E verrà consegnato a Francesco La Licata il Premio nazionale di giornalismo “Giuseppe Fava – Niente altro che la verità. Scritture e immagini contro le mafie”.

Per sensibilizzare i giovani alla conoscenza e all’approfondimento dei temi legati alla legalità e al contrasto delle mafie, partendo dall’osservazione e descrizione della realtà del territorio in cui vivono, è stato avviato un concorso giornalistico ‘Apri la finestra sulla tua città e raccontaci dove vedi la mafia, l’illegalità e le ingiustizie‘ promosso dalla Fondazione che porta il nome di Giuseppe Fava. Il concorso è promosso in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia ed è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie.

Gli elaborati possono prendere spunto da cronache locali o da eventi di rilievo nazionale per poi essere inseriti in un contesto concreto, vicino a chi scrive o a chi realizza video o scatta immagini. Si potrà presentare un testo scritto di massimo 3.000 battute (anche corredato da foto) o un prodotto audiovisivo della durata massima di 3 minuti. Gli studenti possono partecipare singolarmente, per gruppi o per classi. Gli elaborati dovranno essere raccolti dal dirigente scolastico e inviati entro e non oltre il 10 aprile 2024 tramite e-mail a: concorso@fondazionefava.it.

Gli elaborati pervenuti saranno valutati da una commissione mista composta da rappresentanti della Fondazione FAVA, giornalisti del tavolo di lavoro permanente sul Premio giornalistico Giuseppe Fava e da quattro rappresentanti nominati dall’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia. I lavori selezionati dalla Commissione avranno la possibilità di essere pubblicati sul sito della Fondazione Fava. I vincitori saranno premiati nel corso di una cerimonia ufficiale che si terrà il 10 maggio 2024 a Catania.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche ...

Esteri

“I vaccini a mRNA contro il Covid-19 potrebbero essere pericolosi a lungo termine?”. Per trovare una risposta alla domanda che si stanno facendo in...

++++

Il grido di dolore della conduttrice radiofonica ed opinionista televisiva Emanuela Falcetti: “Qualcuno mi spieghi perché le bombole per l’ossigeno in molte zone d’Italia si...

In evidenza

Oggi in apertura di seduta, prima delle comunicazioni del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo, il presidente della Camera Roberto Fico ha...

CULTURA

E’ la svendita di un patrimonio architettonico e artistico inestimabile, un altro tassello del depauperamento del patrimonio capitolino. Palazzo Odescalchi, una delle espressioni più...

Copyright © 2015 EcodaiPalazzi.it